Safety first in teoria e in pratica

Mediante un approccio di tipo proattivo, l’UFAC contribuisce a innalzare lo standard di sicurezza nel settore dell’aviazione.

Reason-Modell

Secondo il cosiddetto modello di Reason, il sopraggiungere di un incidente o di un evento grave risulta da una serie di concatenazioni che, malgrado la presenza di numerosi sistemi di protezione, possono dare luogo a complicazioni. Per fronteggiare il fenomeno, l’UFAC si avvale di un moderno sistema di gestione della sicurezza (SMS) che tiene conto dei diversi livelli del sistema aviazione. Grazie a detto sistema è possibile affrontare gli aspetti concernenti la sicurezza prima che sfocino in incidenti o eventi gravi.

L’Ufficio utilizza una pianificazione strategica continua e ben rodata con cui riesce ad anticipare le evoluzioni future e a ottimizzare l’impiego delle risorse. Le misure adottate sono stabilite in funzione dei danni potenziali e della probabilità di evenienza dei rischi. Ciò significa p. es. che le funzioni e le misure di vigilanza possono variare a seconda che si tratti di un pallone ad aria calda o di aeromobili in servizio sul lungo raggio. Le esigenze concrete in ognuno dei settori derivano dalla definizione degli obiettivi in materia di sicurezza (target levels of safety). Sulla base di queste esigenze, vengono fissati e attuati i compiti di certificazione, vigilanza e controllo.

https://www.bazl.admin.ch/content/bazl/it/home/sicurezza/sicurezza/sicurezza-aerea--safety-/safety-first-in-teoria-e-in-pratica.html